12 Giu 2019
I SUPPLEMENTI DI OMEGA-3 NON PROTEGGONO DALLE MALATTIE CARDIACHE
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 12 Giugno 2019

I supplementi di omega-3 non proteggono dalle malattie cardiache - Nuova recensione

Molte persone assumono quotidianamente un integratore supplementare di omega-3 nella convinzione che sia un bene per il loro cuore.

Ma la nostra ultima ricerca, una revisione sistematica di 79 studi clinici [N.d.r.: meta-analisi], non ha trovato prove in tal senso.

gif omega3 02
R_Szatkowski/Shutterstock.com

Abbiamo esaminato gli effetti degli omega-3 su malattie cardiache e ictus, decessi per malattie cardiache e ictus, nonché morte per qualsiasi causa. La nostra analisi ha mostrato che gli integratori omega-3 non riducono il rischio per nessuna di queste cause, ma nemmeno lo aumentano.

Per decenni, i supplementi di omega-3 e degli integratori di olio di pesce sono stati fortemente promossi come cardio-protettivi. Grazie a questa forte promozione, le persone negli Stati Uniti ora assumono più EPA e DHA (grassi omega-3) dagli integratori rispetto alla dieta.

Questa forte convinzione dei grassi di omega-3 per i benefici della salute del cuore, è scaturita da studi osservazionali che hanno suggerito che gli Inuit [N.d.r.: piccolo popolo dell’artico] non soffrono di malattie cardiache, e da due studi iniziali che suggerivano benefici nel consumo di pesce e dall'assunzione degli integratori di olio di pesce. Nell'eccitazione, questo messaggio è rimasto bloccato, nonostante gli studi di follow-up di entrambi i gruppi di ricerca, con partecipanti leggermente diversi, avevano risultati più negativi. Infatti, in uno degli studi, gli uomini con angina, che sono stati selezionati in modo casuale per assumere gli integratori di omega-3, erano a maggior rischio di "morte cardiaca" rispetto a quelli non destinati ad assumere il supplemento.

Chi vuole sapere

gif omega3Le persone hanno assunto olio di fegato di merluzzo per molto tempo. Wellcome Images/Wikimedia Commons, CC BY-SACosì, come l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che sta aggiornando la sua guida sui grassi, anche noi volevamo capire i benefici per la salute dei grassi omega-3. L'OMS ci ha incaricato di svolgere questa revisione e una meta-analisi, come parte di una serie di recensioni sugli effetti degli integratori di omega-3 sulla salute. (Revisioni successive esamineranno il loro impatto su cognizione, diabete, cancro, depressione, malattia infiammatoria intestinale e grasso corporeo).

Per questa revisione sistematica, abbiamo esaminato tutti gli studi randomizzati controllati [N.d.r.: meta-analisi] - il gold standard della ricerca clinica - dei grassi omega-3, con una durata di almeno 12 mesi. Abbiamo selezionato 79 studi, che complessivamente avevano 112.059 partecipanti. La durata del follow-up variava da uno a otto anni.

All'interno di questo insieme di prove, morirono oltre 8.000 persone, 4.544 morirono di malattie cardiache, 5.469 ebbero un evento coronarico (infarto o angina), 1.822 ebbero un ictus e 3.788 ebbero un’aritmia. Con questi grandi numeri, abbiamo avuto statistiche robuste - conosciute nel campo come "potenza statistica" - per determinare gli effetti degli omega-3 su questi eventi. I nostri risultati hanno mostrato poco o nessun effetto di essere assegnati in modo casuale a prendere integratori di omega-3 su uno qualsiasi di questi eventi.

Quando abbiamo separato i 25 studi che utilizzavano i metodi migliori, come "accecare" i partecipanti e i ricercatori [N.d.r.: doppio cieco] su quale gruppo stava assumendo l'omega-3 e quale il placebo, l'effetto degli omega-3 sui risultati era ancora più debole. Questo suggerisce che quando riduciamo la potenziale distorsione negli studi degli omega-3, ancora maggiormente non si evidenzia alcun effetto per questi integratori.

In tutti questi anni sembra che la nostra convinzione nei supplementi integratori di omega-3, possa essere stata guidata da alcuni studi imperfetti e dalle nostre parzialità.

18 luglio 2018, 5:00 EDT - Aggiornato il 18 luglio 2018, 8:14 EDT

Autore.
  Lee Hooper, Reader in Research Synthesis, Nutrition and Hydration,
 University of East Anglia



Tratto da:
https://theconversation.com/omega-3-supplements-dont-protect-against-heart-disease-new-review-100111


Si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa inoltre che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.