03 Gen 2016
ANATOMIA DEL MUSCOLO E SUA STRUTTURA
Posted by Forrest Group Minerva
Creato: 03 Gennaio 2016

Anatomia del muscolo e sua struttura

Che cosa significa muscolo scheletrico e in cosa consiste? Come si contrae?

L’anatomia muscolare è piuttosto complessa, e lo è anche senza menzionare la fisiologia della contrazione muscolare! In questo articolo si seziona il muscolo scheletrico nelle sue parti più piccole e si esaminano i sorprendenti processi che determinano tutti i nostri movimenti.

Ognuno dei 430 muscoli scheletrici del corpo consistono di tessuto muscolare, tessuto connettivo, nervi e vasi sanguigni. Una fascia fibrosa chiamata epimisio copre ogni muscolo ed ogni tendine. I tendini collegano il ventre muscolare all'osso e si attaccano al periostio (il tessuto connettivo che copre tutte le ossa). La contrazione del ventre muscolare tira il tendine e, a sua volta, l'osso che ivi è collegato.

[N.d.r.: in relazione a un punto di centralità stabilito convenzionalmente: prossimale, cioè verso il centro del corpo, e distale, cioè perifericamente. Vedi PIANI DEL CORPO E SEZIONI]
I muscoli degli arti (come, ad esempio, il bicipite brachiale nel braccio) hanno due o più punti di attacco all’osso. Il punto di attacco prossimale, o origine, è quello più vicino al tronco. Il punto di attacco distale, o inserzione, è quello più distante dal tronco. I muscoli del tronco (come il muscolo retto addominale nella parete anteriore dell'addome) hanno anch'essi due attacchi - superiore (più vicino alla testa) ed inferiore (più lontano dalla testa).

Più dettagliatamente l'anatomia muscolare mostra che ogni ventre muscolare è costituito da cellule muscolari o fibre. Le fibre muscolari sono raggruppate in fasci (fino a 150 fibre) chiamati fascicoli. Ogni fascicolo è circondato da tessuto connettivo chiamato perimisio. Le fibre all'interno di ogni gruppo sono circondate da tessuto connettivo chiamato endomisio.

Ogni singola fibra è costituita da una membrana (sarcolemma) e può essere ulteriormente suddivisa in centinaia o anche migliaia di miofibrille. A loro volta le miofibrille sono circondate dal sarcoplasma e, insieme, formano i componenti contrattili del muscolo. Vedi lo schema qui di seguito:


blog muscoli 01Gruppo muscolare suddiviso nei vari componenti da http://www.lookfordiagnosis.com

Il sarcoplasma contiene glicogeno, particelle di grasso, enzimi e i mitocondri. Le miofibrille che esso racchiude sono costituite da due tipi di filamenti proteici o miofilamenti. Esse sono l'actina e la miosina.

I filamenti di miosina e actina scorrono parallelamente tra loro lungo la lunghezza della fibra muscolare. La miosina ha piccole teste globulari che sporgono, ad intervalli regolari, da essa. Queste sono chiamate ponti trasversali e svolgono un ruolo fondamentale nell’azione muscolare. Per maggiori dettagli, vedi l'articolo sulla teoria dello scorrimento dei miofilamenti.

Ogni miofibrilla è organizzata in sezioni lungo la sua lunghezza. Ogni sezione è chiamata sarcomero e si ripete lungo tutta la fibra muscolare. Quest'ultima è simile ad un righello metrico suddiviso in centimetri e millimetri. Come il millimetro è la più piccola frazione di un righello, così il sarcomero è la più piccola parte contrattile della fibra muscolare.

Il sarcomero è spesso suddiviso in diverse zone per mostrare come si comporta durante l'azione muscolare. Vedi lo schema qui di seguito:

blog muscoli 02La linea Z separa ogni sarcomero. La zona H è il centro del sarcomero e la linea M è il punto in cui gli adiacenti filamenti di miosina si ancorano gli uni agli altri. Nella figura soprastante le bande A, più scure, sono dove i filamenti di miosina si allineano, mentre le bande I sono dove sono disposti i filamenti di actina. Quando il muscolo si contrae la zona-H e la banda-I si accorciano e le linee Z sono tirate le une verso le altre.

Articoli correlati
LA TITINA, LA PROTEINA CHE GOVERNA I NOSTRI CUORI [N.d.r.: ne suggeriamo la lettura]
CONTRAZIONE ECCENTRICA [N.d.r.: ne suggeriamo la lettura]
TEORIA DELLO SCORRIMENTO DEI MIOFILAMENTI DEL MUSCOLO
IPERTROFIA E IPERPLASIA DEL MUSCOLO UMANO



Articolo tratto da: https://www.jenreviews.com/muscle-anatomy/


Il testo è presentato a titolo informativo sull’argomento. Non è assolutamente da intendersi come una qualunque tacita convalida del contenuto da parte nostra (non siamo in grado di esprimere giudizi qualificati in merito). Inoltre, si declina qualunque responsabilità per la presenza di eventuali errori involontariamente introdotti nel testo nella traduzione o nella trascrizione. Si precisa che il contenuto dell'articolo non sostituisce in modo alcuno ciò che è divulgato nei libri ed in bibliografia e, nel medesimo tempo, non costituisce alcun riferimento tecnico, medico e scientifico.